Disinformazione musicale: “Eppure vorrei tanto mostrarmi anche in un’opera italiana”, risposta della Nuova Accademia della Bufala ad Anna Trombetta

«Eppure vorrei tanto mostrarmi anche in un’opera italiana» (Mozart al padre, Vienna, 7 maggio 1783)

50480603_244972619725835_8565489549411614720_n

50789990_795211994152163_8246250686203822080_n

Dalle parti di Sondrio si depreca con insistenza l’attenzione che viene riservata ai loro scritti, interpretata del resto come un segno positivo: attesterebbe, cioè, la bontà dei loro ragionamenti e la solidità delle prove che li supportano. Vorremmo rassicurare Bianchini e Trombetta, e il loro sparuto gruppuscolo di sostenitori plaudenti: quello che ci spinge a occuparci delle loro fantasie panflettistiche è, come abbiamo ribadito più volte, il proposito di fornire notizie corrette ai frequentatori della rete, indifesi e per natura tendenti ad aderire a posizioni negazioniste (e magari ad ammirare chi sostiene oggi la verità di documenti falsissimi come i terrificanti Protocolli dei savi di Sion).

L’ultima bufala è quella che qui si propone e commenta criticamente, com’è sempre lecito e doveroso fare. L’idea che sorregge il pistolotto della signora Trombetta è sconcertante, e degna dei neonazisti che infestano rigogliosamente la vita pubblica odierna: quella che per essere coerente uno debba musicare solo la propria lingua madre. Per restare agli stretti contemporanei, Gluck se la cavava piuttosto bene con italiano, francese e tedesco. Il faentino Giuseppe Sarti (citato dai due signori in maniera impropria e fuorviante per la critica al quartetto KV 465) musicò addirittura testi in danese, russo e slavo ecclesiastico, che sta al russo più o meno come il latino all’italiano. Oltreché nei più comuni idiomi francese e tedesco, il che fa di lui il compositore forse più poliglotta della storia. Salieri col francese e il tedesco, ma anche lui era italiano, e dunque degno comunque dell’ammirazione negazionista. Mozart invece sarebbe «incoerente» perché afferma di trovare più difficile scrivere l’opera tedesca, eppure ci si vuol impegnare, e chiede il motivo per cui se ogni nazione ha la propria opera anche i tedeschi non possono avere la loro. Nella lettera citata dalla signora Trombetta, oltretutto, Mozart attacca a parlare di «opera italiana» e «opera tedesca» non come generi, ma come compagnie teatrali attive a Vienna (vedi la lettera al padre del 5 febbraio 1783, n. 549 nell’edizione tradotta da Murara, pp. 1302-1304), e solo nel prosieguo passa alla questione generale. Sarà peraltro interessante sapere che l’opera tedesca nella mente di Mozart in quel preciso istante (i genî, sappia la signora, pensano velocemente e cambiano idea con la velocità del vento) era Il servitore di due padroni, dell’italianissimo Carlo Goldoni – il quale peraltro scrisse ottimamente anche in francese. E così via…

Nuova Accademia della Bufala (Lidia Bramani, Fabio Bruno, Renato Calza, Alessandro Cammarano, Paolo Congia, Michele Girardi, Marco Murara, Mirko Schipilliti, Mario Tedeschi Turco, Giovanni Tribuzio, Carlo Vitali)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: